ufficialigiudiziari

Ufficiali Giudiziari

Centro Ricerche e Studi

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Coordinatore: dott. Carmine Tarquini - Webmaster: dott. Fabio Sturniolo
23 Settembre 2018 16:15:15
Home Giurisprudenza
Generale

Giurisprudenza del 26.3.2015 - indennità di amministrazione

Rivalutazione automatica dell'indennità di amministrazione (ex compenso mensile non pensionabile) - Legittimità - Download - 
 

Ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare

In merito ai presupposti per l'accesso alle banche dati tramite ufficiali giudiziari e per l'accesso diretto del creditore, il Presidente del Tribunale di Novara in data 21 gennaio 2015 ha rigettato l’istanza di un avvocato. - Download -
 
Convenzione tra l’Agenzia delle Entrate e il Ministero della Giustizia per l’accesso all’Archivio dei rapporti finanziari - Download -
 

23713/2014 Corte di Cassazione in materia di percentuale degli ufficiali giudiziari

Ringraziamo l’Avv. Germano Scarafiocca per averci fornito l’ultima decisione della Corte di Cassazione in materia di percentuali per le note vicende relative agli anni 2000/2003. La Corte rigetta l’appello del Ministero, confermando la decisione di appello di accoglimento del ricorso degli ufficiali giudiziari addetti all’UNEP presso il Tribunale di Lucca. La Corte richiama due precedenti specifici (allegati), riferiti a due controversie da dallo stesso avvocato curate per conto rispettivamente degli ufficiali giudiziari addetti all’UNEP presso il Tribunale di Pisa e di Pistoia.

2012_Cassazione_Pisa_Pontedera - Download -
2013_Cassazione_Pistoia - Download -
2014_Cassazione_Ufficiali_Giudiziari_Lucca - Download -
 

Indennità di amministrazione - Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 16-10-2013, n. 23523

La Cassazione mette fine al recupero delle somme che il ministero riteneva "indebitamente percepite a titolo di arretrati per indennità di amministrazione" dagli UFFICIALI GIUDIZIARI.

Dopo anni di contenzioso gli Ufficiali Giudiziari, con la Sent.  Cass. civ. Sez. Lavoro del 16/10/2013 n. 23523 Download -, hanno visto definitivamente riconosciuta la legittimità delle loro pretese e del loro agire.

La Cassazione e, prima di essa, altri Giudici, come le Corte di Appello di L’Aquila e di Firenze, e molteplici Tribunali, avevano ribaltato la qualificazione di indebito ribadendo la sussistenza di un legittimo titolo legale e contrattuale in esecuzione del quale gli ufficiali giudiziari avevano percepito la indennità di amministrazione nei modi, tempi e misura prevista per gli altri dipendenti dell’Amministrazione giudiziaria. 

Sono passati 17 anni e speriamo che siano serviti!

Viene da chiedersi se qualcuno, oggi, si senta responsabile dei torti e di quanto ingiustamente tolto a chi ne aveva diritto, in conseguenza delle unilaterali iniziative di recupero della c.d. rivalutazione dell'indennità di amministrazione, apostrofata come indebita.

L’auspicio è che tutto questo non cada nell'oblio ma ammonisca sulla necessità di realizzare per il futuro comportamenti più virtuosi, scongiurando nuovi, generalizzati, contenziosi che, come sembra, si stanno, invece, profilando negando agli Ufficiali Giudiziari il diritto alla retribuzione dovutagli a titolo di percentuale ex art. 122 DPR 1229/59.

Riaffermato con la uniforme e costante giurisprudenza la sussistenza del diritto alla giusta retribuzione di questo personale, si confida nei responsabili dell’Amministrazione perché provvedano ad accertare, quantificare e liquidare quanto per espressa previsione di legge (art. 122 DPR 1229/59) dovuto agli ufficiali giudiziari.

La materia non consente altre soluzioni trattandosi di un diritto soggettivo nonsuscettibile di deroghe o “soluzioni pattizie”. 

La circostanza rende utile riproporre un commento già pubblicato nel 2007 dall'evocativo titolo "Il difficile cammino di un diritto tra cattiva volontà e difficoltà interpretative". - Download -

 

Pignoramento del cane

Pubblichiamo qui di seguito la lettera di inviata alla redazione di Ballarò dopo il servizio del 16 Aprile 2013. 
Download - 
Ci auguriamo che il dibattito possa generare un'opportunità di aggiornamento della normativa vigente per i nostri amici a quattro zampe e non solo.
 
Con il "Collegato ambientale alla legge di stabilità (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali)" approvato definitivamente ma non ancora pubblicato - Link - è stato modificato l'art. 514 del codice di procedura civile, dedicato alle cose mobili assolutamente impignorabili, ed è stata cancellata la pignorabilità degli animali d'affezione o da compagnia "tenuti presso la casa del debitore o negli altri luoghi a lui appartenenti, senza fini produttivi, alimentari o commerciali". Sono inclusi altresì gli animali impiegati a "fini terapeutici o di assistenza del debitore, del coniuge, del convivente o dei figli".
 

Corte Costituzionale Sentenza N. 258/2012

La Sentenza che l’illegittimità costituzionale del terzo comma (corrispondente all’attualmente vigente quarto comma) dell’art. 26 del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 602 (Disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito), nella parte in cui stabilisce che la notificazione della cartella di pagamento «Nei casi previsti dall’art. 140 del codice di procedura civile […] si esegue con le modalità stabilite dall’art. 60 del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 600», anziché «Nei casi in cui nel comune nel quale deve eseguirsi la notificazione non vi sia abitazione, ufficio o azienda del destinatario […] si esegue con le modalità stabilite dall’art. 60, primo comma, alinea e lettera e), del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 600». - Download -
 

Cass. civ. Sez. Unite, Sent., 01-02-2012, n. 1418

Questa sentenza prevede, per degli atti processuali notificati a mezzo posta e scadenti il giorno di sabato, la proroga della scadenza a lunedì successivo. - Download -
 

Legittimità costituzionale degli artt. 138 e 139 del codice di procedura civile

La Corte Costituzionale
 
dichiara la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale dell'art. 138 del codice di procedura civile sollevata, in riferimento agli artt. 3 e 24 della Costituzione, dal Tribunale di Nocera Inferiore con l'ordinanza indicata in epigrafe;
 
dichiara la manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell'art. 139, secondo comma, cod. proc. civ. sollevata, in riferimento agli artt. 3 e 24 Cost., dal Tribunale di Nocera Inferiore con l'ordinanza indicata in epigrafe.

Scarica il testo completo della sentenza - Download -
 

TAR Lazio (Sez. I) ordinanza sulla MEDIAZIONE depositata 12/04/2011 N. 03202/2011 REG.PROV.COLL.

Ordinanza con cui il TAR per il Lazio (Sezione Prima) dispone l'immediata trasmissione degli atti alla Corte Costituzionale in quanto rilevanti e non manifestamente infondate le questioni di legittimità costituzionale:

  1. della norma che introduce a carico di chi intende esercitare in giudizio un'azione relativa alle controversie nelle materie espressamente elencate l'obbligo del previo esperimento del procedimento di mediazione;
  2. della norma che prevede che l'esperimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale;
  3. della norma che dispone che l'improcedibilitàdeve essere eccepita dal convenuto o rilevata d'ufficio dal giudice;
  4. della norma che dispone che abilitati a costituire organismi deputati, su istanza di parte interessata, a gestireil procedimentodi mediazionesono gli enti pubblici e privati, che diano garanzie di serietà ed efficienza.

Scarica la sentenza completa - Download -

 

Cass. civ. Sez. lavoro, 03/03/2011, n. 5136

Ai sensi dell'art. 2304 c.c., il creditore sociale non può pretendere il pagamento del socio di una società in nome collettivo se non dopo l'escussione del patrimonio sociale. La possibilità di aggredire il patrimonio del socio è subordinata, quindi, alla infruttuosità dell'esecuzione esperita sui beni della società in nome collettivo.
Scarica la sentenza completa - Download - 
 

Warning: Illegal string offset 'active' in /home/mhd-01/www.ufficialigiudiziari.net/htdocs/cms/templates/ja_purity/html/pagination.php on line 129

Warning: Illegal string offset 'active' in /home/mhd-01/www.ufficialigiudiziari.net/htdocs/cms/templates/ja_purity/html/pagination.php on line 135

Warning: Illegal string offset 'active' in /home/mhd-01/www.ufficialigiudiziari.net/htdocs/cms/templates/ja_purity/html/pagination.php on line 129

Warning: Illegal string offset 'active' in /home/mhd-01/www.ufficialigiudiziari.net/htdocs/cms/templates/ja_purity/html/pagination.php on line 135

Warning: Illegal string offset 'active' in /home/mhd-01/www.ufficialigiudiziari.net/htdocs/cms/templates/ja_purity/html/pagination.php on line 129

Warning: Illegal string offset 'active' in /home/mhd-01/www.ufficialigiudiziari.net/htdocs/cms/templates/ja_purity/html/pagination.php on line 135

Warning: Illegal string offset 'active' in /home/mhd-01/www.ufficialigiudiziari.net/htdocs/cms/templates/ja_purity/html/pagination.php on line 129

Warning: Illegal string offset 'active' in /home/mhd-01/www.ufficialigiudiziari.net/htdocs/cms/templates/ja_purity/html/pagination.php on line 135

Warning: Illegal string offset 'active' in /home/mhd-01/www.ufficialigiudiziari.net/htdocs/cms/templates/ja_purity/html/pagination.php on line 129

Warning: Illegal string offset 'active' in /home/mhd-01/www.ufficialigiudiziari.net/htdocs/cms/templates/ja_purity/html/pagination.php on line 135
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »


Pagina 1 di 5